Escursionismo nel Parco Nazionale della Sila

Solitaria CAMIGLIATELLO-ZARELLA-MACCHIALONGA (19-08-2010)

19 agosto 2010

Ormai da parecchi anni sentivo il desiderio di raggiungere la radura in quota di Macchialonga: l’ampio pascolo montano circondato dalle più superbe foreste della Sila Grande. Intorno alle 8,30, in sella a una bici presa in affitto, da Camigliatello Silano mi avvio verso la meta. 

Il lago di Ariamacina

Il lago di Ariamacina e il M.Volpintesta

Verso le montagne della Porcina


Nei pressi di Zarella

Nei pressi di Zarella

Dopo un'ora sono a Zarella e qui abbandono la strada asfaltata per un sentiero che costeggia dapprima il piccolo villaggio (sinistra) e che poi penetra nella boscaglia di pino nero silano. La salita non presenta mai pendenze difficili e vado avanti sempre in sella alla bici.








Nel momento in cui, sulla sinistra, appare il belvedere verso il Lago Cecita, mi rendo conto di essere quasi arrivato.



Giungo così al quadrivio poco sotto la Serra Ripollata. Prendo la via di sinistra, in discesa, e arrivo così nella grande radura che da tanto aspettavo di vedere. 













La scenografia è incantevole a 360 gradi. Peccato solo per la siccità che in questo periodo dell'anno caratterizza le radure assolate delle montagne ioniche come la Sila Grande. 



Infine ritorno nuovamente al quadrivio poco sotto la Serra Ripollata, dove scavalco la recinzione di filo spinato (al quadrivio a sinistra) e pervengo così la vetta.


















Ritorno al punto di partenza dalla stella via di andata.



Nella pineta di Zarella

La pineta di Zarella

 La pineta di Zarella

La pineta di Zarella


Nessun commento:

Posta un commento